Liberare i cantieri da complicazioni e burocrazia

Dobbiamo semplificare e non introdurre ulteriori complicazioni, rischierebbero di limitare fortemente l’offerta nel mercato della riqualificazione edilizia.

È quanto afferma CNA Costruzioni in una nota manifestando forte preoccupazione e contrarietà rispetto ad alcune proposte che mirano nuovamente  a cambiare le regole del gioco in corso d’opera, innalzando i livelli di qualificazione per gli interventi di riqualificazione, prendendo a riferimento il sistema di certificazione obbligatoria per la partecipazione a gare d’appalto SOA.

Sappiamo bene che questi meccanismi si sono sempre mal conciliati con il mondo dei lavori legati alle piccole e medie imprese contrariamente a quello degli appalti pubblici, rappresentando piuttosto elemento di allontanamento di quest’ultime dai mercati dove vengono richieste.

Riteniamo assolutamente sbagliato per il mercato, per le imprese e per i clienti, ipotizzare soluzioni che produrrebbero esclusivamente una pericolosissima restrizione dell’offerta nel mercato della riqualificazione.

È altresì pretestuoso  indicare l’adozione del sistema di qualificazione SOA quale garanzia per arginare episodi di frodi e imbrogli, sostenendo in modo capzioso che certi fenomeni siano da ricercare nel mondo della Piccola e Media Impresa.

La mole di adempimenti (visti di conformità – prezzari – limiti di spesa ecc.) fino ad ora introdotti rappresentano sufficienti elementi di garanzia e di controllo del mercato, del resto il recentissimo Decreto Antifrodi, che va migliorato per evitare il blocco delle attività, è già intervenuto in maniera  condivisibile nelle finalità e negli  obiettivi.

Clicca qui per leggere gli altri comunicati stampa.

 

Questo articolo Liberare i cantieri da complicazioni e burocrazia è stato pubblicato su CNA.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI