Gregorini in visita alle aziende alluvionate

Il segretario generale CNA, Otello Gregorini, il presidente CNA Emilia-Romagna, Paolo Cavini, e il segretario CNA Emilia-Romagna, Fabio Bezzi, sono stati accompagnati dalla CNA di Ravenna, rappresentata dal presidente Matteo Leoni, dalla vicepresidente Marianna Panebarco e dal direttore generale Massimo Mazzavillani, in visita a due aziende di Conselice colpite dall’alluvione – la CM s.r.l. e la Foschini & Gaudenzi – proseguendo gli incontri iniziati la settimana scorsa nei territori di Faenza e Bagnacavallo. Presenta anche Paola Pula, sindaco di Conselice.

Gaetano Castiglione, CEO s.r.l. di CM, ha affermato “al momento stiamo facendo stime più accurate, ma siamo certamente oltre i 3 milioni di euro di danni diretti, in particolare ai macchinari, a cui dovremo aggiungere tutto il materiale perso, quello da ripulire per poter essere recuperato e i costi per poter riprendere la produzione all’esterno. Qui non potremo riavviare alcuni reparti per almeno tre mesi. L’acqua ha invaso tutti i locali per circa 80cm di altezza ed è rimasta per circa 5 giorni, causando danni gravissimi a macchinari, parti pronte per la lavorazione e prodotti già montati. Molto materiale l’abbiamo spostato, nei giorni scorsi, all’esterno per poterlo valutare e asciugare. Ora, con il peggioramento delle previsioni, dobbiamo intraprendere una corsa contro il tempo per rimettere tutto in sicurezza. Avevamo appena installato attrezzature e interventi dell’industria 4.0, di grande valore economico e strategico per l’azienda, questa alluvione rischia di vanificare i grandi sforzi e gli investimenti fatti di recente. Siamo stati costretti ad attivare la cassa integrazione per i dipendenti. Ora aspettiamo gli aiuti: sono fondamentali per noi perché da soli, solo con le nostre forze, sarà molto difficile, se non impossibile ripartire”.

La delegazione si è poi spostata presso la ditta Foschini & Gaudenzi, dov’è stata accolta da Vanni Gaudenzi, che ha raccontato che l’acqua ha invaso gli uffici, l’area di produzione e anche l’area espositiva. “Abbiamo perso molti documenti e fatture, oltre a parte dei materiali già prodotti – in particolare quelli in legno. Alcuni macchinari sono danneggiati irrimediabilmente, per altri stiamo ancora cercando di stimare i danni. L’acqua è rimasta nei locali 5 giorni rovinando anche ciò che avrebbe potuto salvarsi se fosse stato possibile rimuoverla in fretta. Quando siamo riusciti a entrare con le pompe e liberare i locali abbiamo passato giornate intere a smaltire tutti i prodotti e i materiali irrecuperabili. I danni sono stati molto ingenti, ancora non precisamente quantificabili. Abbiamo bisogno urgentemente di interventi di sostegno”.

Il segretario generale Gregorini, il presidente e il direttore della CNA di Ravenna, Matteo Leoni e Massimo Mazzavillani, hanno ribadito agli imprenditori incontrati la vicinanza dell’intera Associazione. “Siamo colpiti dalle vostre testimonianze e faremo di tutto per far arrivare la voce degli imprenditori al Governo. Serviranno interventi importanti e rapidi come la sospensione dei mutui e delle scadenze fiscali e contributive. L’esempio da seguire è quello dell’alluvione nelle Marche, per cui è stato varato un decreto-legge speciale, con strumenti e risorse straordinarie. Insisteremo in questa direzione e faremo la nostra parte per far ripartire in fretta le imprese così duramente colpite e, con esse, tutto il territorio”.

 

Alluvione, fare presto!

Questo articolo Gregorini in visita alle aziende alluvionate è stato pubblicato su CNA.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI