Ammodernamento tecnologico e produttivo per industrie

Apertura

3 luglio 2023

Chiusura

16 novembre 2023

Il presente avviso pubblico intende sostenere le imprese industriali per la realizzazione di:

  • Progetti di sviluppo aziendale consistenti in investimenti di innovazione e significativo ammodernamento degli impianti e dei siti produttivi esistenti, incluse le applicazioni digitali e le nuove soluzioni energeticamente efficienti, sicure e sostenibili
  • Progetti per la realizzazione di nuove unità produttive da parte di imprese già esistenti

Beneficiari

PMI Industriali in forma singola (Ateco 2007):

C. Attività Manifatturiere

E. limitatamente ai codici: 38 e 39

F. Costruzioni

J. Servizi di Informazione e Comunicazione

M. Attività Prof.li, Scientifiche e Tecniche

Finalità

I termini di ammissibilità della spesa sono differenti a seconda del regime agevolativo:

  • per il Regime De Minimis sono ammesse le spese effettuate a partire da 01/01/2022
  • per gli Aiuti di Stato ai sensi del Regolamento di esenzione il progetto deve essere avviato dopo la presentazione della domanda

Tipologia di agevolazione

Investimento minimo: Euro 150.000

Contributo in conto capitale: Reg. UE 1407/2013 (De Minimis), Tutte le PMI 50% fino max € 200.000,00

In esenzione: Micro e Piccole 20% oppure 35% per i comuni delle aree 107.3.c del TFUE. Medie 10% oppure 25% per i comuni delle aree 107.3.c del TFUE, fino max €300.000,00

Spese ammesse

Spese relative all’acquisto di beni materiali, immateriali e servizi rientranti nelle seguenti categorie:

A. spese per opere edili/murarie e impiantistiche (impianti elettrici, anti- intrusione, idrico-sanitari, di riscaldamento e climatizzazione, connessioni digitali) fino ad un massimo del 20% del totale delle spese ammissibili. Tali spese sono ammesse su immobili di proprietà o in locazione pluriennale, ad esclusione del comodato d’uso, e solamente se funzionali all’installazione di nuove linee produttive;

B. spese relative all’acquisto di macchinari ed attrezzature produttive di nuova fabbricazione e hardware. Sono comprese le spese relative al trasporto ed installazione dei macchinari;

C. spese per investimenti immateriali (acquisto o registrazione di brevetti, marchi, modelli, disegni, licenze, know-how, programmi informatici, software gestionali e professionali ed altre applicazioni aziendali digitali);

D. spese di progettazione e di consulenza nella misura massima del 20% delle spese di cui ai punti A), B), C);

E. spese generali (in misura forfettaria del 7% delle spese ammissibili di cui ai punti A, B) e C).

Info: credito@an.cna.it

Scopri tutti i bandi disponibili e il servizio Bandi Europa di CNA

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI