Ucraina: approvate dal Governo le misure per contrastare gli effetti economici della crisi

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 67 del 21 marzo 2022 il Decreto Legge 21 marzo 2022, n. 21 recante “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina”. Sono pertanto in vigore dal 22 marzo 2022 gli interventi disposti per alleggerire i costi, sia dei lavoratori che delle aziende, fra cui si segnala l’introduzione di un bonus carburanti, nuovi trattamenti di integrazione salariale, agevolazioni per l’assunzione di personale delle aziende in crisi.

Si riassumono di seguito le principali disposizioni:

Bonus carburante
Le imprese private possono erogare ai propri dipendenti dei buoni benzina del valore di 200 euro a lavoratore, esenti da tasse e contributi.

Taglio delle accise sulla benzina
Il prezzo di benzina e gasolio viene ridotto di 25 centesimi al litro, per un periodo di 30 giorni, a partire dalla data di entrata in vigore del provvedimento.

Integrazione salariale e assunzioni
Per le attività in possesso di determinati requisiti è possibile prolungare il trattamento di cassa integrazione, è inoltre previsto un esonero contributivo, destinato alle aziende già in crisi, per l’assunzione di dipendenti a tempo indeterminato.

Energia
Vengono stanziate diverse misure a favore delle imprese ad alto consumo di energia elettrica e la possibilità di rateizzare i costi in bolletta. Per le imprese energivore di interesse strategico, le garanzie emesse da SACE per finanziamenti concessi sotto qualsiasi forma, copriranno il 90% dell’importo del finanziamento concesso.

Aiuti per le aziende agricole e di pesca
Viene riconosciuto un credito d’imposta del 20% per l’acquisto di carburante per agricoltura e pesca. Alle imprese operanti in questi settori vengono concesse maggiori garanzie sugli accordi presi con le banche.

Accoglienza dei profughi ucraini
Il Governo stanzia dei fondi in favore dell’accoglienza delle persone che scappano dalla guerra in Ucraina. Il Decreto autorizza il Dipartimento della Protezione Civile a organizzare le modalità di accoglienza.

Scarica il documento completo cliccando qui

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI