Tra tagli scalati e romanzi thriller, intervista di Halloween a Roberto, il parrucchiere del brivido

Roberto Ricci ha 60 anni e da ben 30 fa il parrucchiere con passione e dedizione. Dal 2012, però, si dedica anche a un’altra attività che lo riempie di soddisfazioni: la scrittura di romanzi thriller.

Il “parrucchiere del brivido”, come lo hanno rinominato i giornalisti che parlano dei suoi libri, ha una profonda cura della relazione con le sue clienti, per questo da diversi anni ha scelto di lavorare solo su appuntamento. Ciò permette di avere un rapporto “esclusivo” con chi si affida alla sua esperienza, seguendo ogni passaggio in prima persona e nei minimi dettagli, dal momento dell’accoglienza fino alla fine del trattamento.

Le clienti di Roberto sono le fan numero uno dei suoi romanzi e spesso i dialoghi tra una taglio e una piega si concentrano sulla letteratura. Nel salone c’è a disposizione anche una libreria, dalla quale si possono prendere in prestito libri o donare i propri.

L’obiettivo di Roberto è quello di arrivare a festeggiare 40 anni di attività come parrucchiere e realizzare un sogno molto ambizioso: “Diventare il nuovo Stephen King. Se si deve sognare, tanto vale farlo in grande. O no?”

Roberto ha scelto CNA nel 1992, quando ha aperto il negozio, e negli anni è stato presidente provinciale di categoria e ha partecipato anche al direttivo nazionale. La sua lealtà all’associazione è rimasta intatta negli anni anche grazie alla competenza degli addetti ai lavori, che hanno saputo fornire un valido supporto nei momenti di difficoltà.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI