“Sostegni”: le novità per imprese e Partite IVA

Lungamente atteso e discusso, è stato presentato venerdì sera dal Primo Ministro Dragi il “Decreto Sostegni”, approvato dal Consiglio dei Ministri il 19 marzo 2021.

Il testo contiene una serie di tutele e misure di sostegno delle imprese, per i datori di lavoro e i lavoratori dipendenti che resteranno in vigore per tutto il 2021.

Il testo bollinato dalla Ragioneria Generale del Decreto entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

In dettaglio tutte le novità.

 

Contributi a fondo perduto

Il decreto Sostegni supera la logica dei Codici Ateco (come richiesto da CNA) ed introduce il fatturato come parametro per l’accesso ai contributi.

L’importo del bonus è riconosciuto a lavoratori con Partita Iva, imprese e liberi professionisti che nel 2020 hanno registrato una perdita (rispetto al 2019) di almeno il 30% (CNA Critica verso questa soglia) .

Il contributo viene calcolato sulla perdita media mensile (differenza fra fatturato 2019 e 2020, divisione della perdita per 12 mensilità).
Sulla perdita media mensile quindi si applicano 5 fasce di contributo:

  • 60% per le imprese con fatturato fino a 100 mila euro;
  • 50% per quelle tra 100 mila e 400 mila euro;
  • 40% tra 400 mila e 1 milione;
  • 30% tra 1 e 5 milioni;
  • 20% per quelle con fatturato tra i 5 e i 10 milioni di euro.

Il contributo non potrà comunque superare i 150.000 €

Non ci potranno essere erogazioni automatiche. Tutti dovranno chiedere il contributo, secondo tempi e modulistica definiti dall’Agenzia delle Entrate.

Per il imprese avviate nel corso del 2019, il confronto si basa sul fatturato medio mensile dei mesi d’attività (meno quello di apertura).
Invece chi ha aperto l’attività nel 2020, riceverà l’importo minimo (1.000€).

 

Indennità lavoratori atipici, spettacolo, stagionali

Confermato il bonus, per i mesi  di gennaio, febbraio e marzo di quest’anno, pari nel complesso a 2.400 euro, per le seguenti categorie di lavoratori:

  • stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;
  • stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;
  • intermittenti;
  • autonomi occasionali;
  • incaricati alle vendite a domicilio;
  • dello spettacolo;
  • a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali.

 

Lavoratori dello sport

È formulato in misura proporzionata al reddito percepito nel 2019 il nuovo bonus per i lavoratori dello Sport:

  • in caso di reddito inferiore a 4000 euro l’anno, l’indennità una tantum sarà pari a 1200 euro;
  • in caso di reddito compreso tra 4000 e 10000 euro l’anno, l’indennità una tantum sarà pari a 2400 euro;
  • in caso di reddito superiore a 10.000 euro, l’indennità erogata sarà pari a 3600 euro.

 

Cartelle esattoriali

Il “Sostegni” introduce lo stralcio delle cartelle esattoriali fino a 5.000€ per il periodo 2000-2010 per tutti coloro che risultano titolari di un reddito non superiore a 30.000€.

 

Proroga Cassa integrazione Covid-19

Il decreto Sostegni proroga la cassa integrazione Covid.
La misura di integrazione salariale può essere richiesta dai datori di lavoro senza l’applicazione di alcun contributo addizionale:

  • per ulteriori 13 settimane tra l’1 aprile e il 30 giugno 2021 in relazione al trattamento ordinario
  • per ulteriori 28 settimane tra l’1 aprile e il 31 dicembre 2021 a titolo di assegno ordinario o cig in deroga.

 

Divieto di licenziamento

Confermato fino al 30 giugno 2021 il blocco dei licenziamenti con le deroghe già attualmente previste in caso di cessazione, fallimento o di accordo aziendale con il sindacato sulle uscite incentivate.

Resta vietato fino al 31 ottobre 2021 il ricorso al licenziamento da parte delle aziende che non hanno strumenti ordinari di integrazione al reddito, e sono dunque beneficiari di cassa integrazione in deroga emergenziale o assegno ordinario.

 

Iscriviti ai canali InfoImprese

Per ricevere in tempo reali le informazioni e gli aggiornamenti utili alle imprese, iscriviti ai canali di CNA dedicati
Lista WhatsApp e Canale Telegram

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI