Silvestrini: “Serve quella spinta formidabile che solo l’Italia sa dare”

La CNA non è una realtà di protesta, bensì di proposta. Siamo infatti convinti che nel nuovo mondo saremo ascoltati solo se riusciremo ad avanzare proposte significative. Per noi la concretezza e l’innovazione sono valori essenziali e che ci contraddistinguono come marchigiani.”

Con queste parole il segretario generale della CNA, Sergio Silvestrini, ha voluto rimarcare ancora una volta la visione e la missione della Confederazione in occasione delle conclusioni del Congresso Elettivo 2021 di CNA Ancona.

Silvestrini, intervenendo dopo un ampio dibattitto sul tema delle infrastrutture e del ruolo cruciale del PNRR per l’Italia e per le Marche ha rimarcato il momento storico che stiamo vivendo: “Siamo oggi in un nuovo paradigma, come nel dopo guerra quando l’Italia in pochi anni passò dal disastro post bellico ad essere la quinta economia del mondo. Dalla Pandemia dobbiamo rialzarci con quella spinta formidabile che solo questo Paese è in grado di dare. Sarà complicatissimo, abbiamo alle spalle decenni di contraddizioni e visioni localistiche e particolarismi. Ma oggi deve vincere un’idea diversa, dove il “Particolare” trova senso in una logica sistemica nazionale e sovranazionale.”

Il segretario ha quindi rimarcato il ruolo dell’Europa in questa partita. Madre e non matrigna. “In mezzo a due colossi, ad est e a Ovest, l’Europa deve avere in sé una visione. Un’Europa che connette e lega, che non sopisce ma stimola investimenti e innovazione. Siamo un popolo orgogliosamente europeo.”

E ancora una volta Silvestrini a sottolineato la ferma e convinta contrarietà alla visione palesata dal Governatore della Banca d’Italia che ha tacciato gli artigiani e la Piccola Impresa di essere il problema dell’Italia. “Il problema dell’Italia sono quelli che pensano che il problema italiano siano le piccole imprese. Forse chi fa queste affermazioni non merita il posto che ricopre.

Il nostro è un mondo che va raccontato – ha concluso- , non va marginalizzato. È una parte vitale del paese, che chiede poco ma fa moltissimo. Che sa innovare. Ed è un mondo che deve inorgoglire chi ha in mano il governo di questo Paese.”

Rivedi l'intervento integrale del segretario Silvestrini

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI