Semplificare ora per non retrocedere ancora

I dati emersi in questi giorni sulla capacità di spesa dei fondi europei da parte della Regione Marche fanno paura. Anzi, fanno rabbia.

Da un lato il nostro territorio è ufficialmente passato ad essere una “Regione in transizione” cioè una retrocessione dalla fascia delle più sviluppate a quelle con una situazione di peggioramento della condizione economica. Dall’altro l’incapacità di spesa dei fondi europei che ci vede all’ultimo posto in Italia con appena il 49,21% di fondi spesi.

Come CNA siamo profondamente preoccupati e chiediamo ai vertici politici della Regione un repentino cambio di direzione.

Il crollo del PIL Marchigiano dell’11% (2007-2021) si è tradotto in un calo del -6% delle imprese marchigiane (2015-2021). Dati allarmanti, certamente aggravati dalle continue crisi economiche e sistemiche che hanno ci hanno colpito negli ultimi 15 anni ma ora è il momento di cambiare rotta.

Con piacere abbiamo letto le dichiarazioni del Presidente della Regione, Francesco Acquaroli, il quale ha riconosciuto il ritardo e ha tracciato la strada per riuscire nella prossima programmazione Fse e Fesr ad emergere dal fondo della classifica insieme all’impegno, a dir poco strategico, della Svem. Bene! Come CNA siamo pronti a partecipare al processo di trasformazione dei fondi in azioni concrete, in bandi operativi, in progetti di crescita per le nostre imprese.

Ma vogliamo subito lanciare un monito: è necessario semplificare i processi. Ad oggi per un artigiano, micro o piccola impresa che voglia partecipare a una gara d’appalto o ad un bando pubblico è sempre più complicato. A certificarlo è l’Osservatorio nazionale sulla burocrazia di CNA che proprio quest’anno si è concentrato sulle procedure degli appalti pubblici, ma che con facilità possiamo applicare anche ai procedimenti per la partecipazione a bandi di cofinanziamento o di investimento. Dalla complicatezza di moduli e delle rendicontazioni, ai costi di anticipi e fidejussioni.

Attendiamo quindi con fiducia l’avvio della concertazione con le associazioni di categoria e con gli ordini professionali annunciato dal Presidente Acquaroli in vista dei prossimi bandi, passaggio fondamentale a tutela delle imprese e del tessuto economico locale.

Massimiliano Santini
Direttore CNA Territoriale di Ancona

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI