Ripartono i corsi per i detenuti di Montacuto e Barcaglione

Cna e Comune di Ancona insieme per un progetto a forte impatto sociale, utile per il reinserimento post detenzione
Conto alla rovescia per l’avvio dei nuovi corsi di formazione organizzati dalla Cna di Ancona per i detenuti di Barcaglione e di Montacuto, che inizieranno mercoledì 22 luglio.
“Grazie all’Ambito territoriale sociale XI di Ancona – spiega Andrea Riccardi, segretario della Cna dorica – che riceve uno stanziamento specifico dalla Regione Marche, prosegue come lo scorso anno l’organizzazione di corsi di formazione presso gli Istituti penitenziari di Ancona: uno per elettricista e uno per idraulico. A tenere le docenze saranno gli artigiani ed i professionisti del sistema Cna, che insegneranno ai detenuti un mestiere, anche attraverso dimostrazioni pratiche e focalizzando l’attenzione sulle buone prassi da tenere per lavorare in sicurezza”.
“Il Comune di Ancona realizza gli interventi nell’area penitenziaria e post-penitenziaria, attraverso i contributi che la Regione Marche eroga annualmente agli Ambiti Territoriali Sociali, oltre che da fonti proprie del Bilancio Comunale – precisa l’Assessore ai Servizi Sociali Emma Capogrossi – Le politiche regionali relative al settore penitenziario sono orientate a sostenere sul territorio marchigiano, la programmazione concertata di interventi tra enti, istituzioni e servizi per la realizzazione di progetti nello specifico settore. Tra i diversi progetti che l’Amministrazione sostiene, quelli di carattere formativo, come quelli promossi dalla Cna, hanno una particolare rilevanza in quanto oltre a migliorare le condizioni di vita all’interno del carcere promuovono l’apprendimento di competenze e abilità professionali utili al reinserimento sociale una volta terminato il periodo di detenzione”.
Il Comune di Ancona e la Cna hanno così avviato un progetto che vuole offrire una formazione pratica e una teorica ai detenuti, con l’obiettivo di migliorare il loro bagaglio culturale e consentirgli, nel momento del reinserimento nella società, di spendere un’esperienza positiva che potrebbe aiutarli a trovare un lavoro.
Cna ha coinvolto gli artigiani del territorio che meglio di chiunque altro possono insegnare quello che realmente è richiesto dal complesso mercato del lavoro.
 

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI