Peste Suina – anche nel Lazio

I rischi di incorrere in nuovi virus che potrebbero infettarci “sono proporzionali agli squilibri che creiamo negli ecosistemi”. I cinghiali, il cui habitat naturale un tempo era il bosco, vivono ormai da anni in città. A Roma, per la precisione. Ma per sperare che qualcosa venga fatto si è dovuta aspettare la minaccia della peste suina, rintracciata per la prima volta a inizio anno in Piemonte e i5 maggio nella capitale.

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

La peste suina africana (Psa) è una malattia virale che colpisce suini e cinghiali. È altamente contagiosa e spesso letale per gli animali, mentre non è trasmissibile agli esseri umani, tuttavia, il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf) ha deciso di nominare Angelo Ferrari come Commissario straordinario per contrastarne la diffusione. La peste suina, rassicura il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, “non è pericolosa per l’uomo ma per un comparto economico che fattura oltre 7 miliardi”.

LA ZONA ROSSA

Dopo i primi casi segnalati a gennaio era stata circoscritta un’area di sorveglianza dal Piemonte alla Liguria, ma la comparsa di cinghiali infetti anche a Roma ha portato due giorni fa a istituire una zona rossa fino al 31 agosto.

Rispetto a quella stabilita poco prima dall’ordinanza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, la “zona infetta” è stata ulteriormente allargata, come già auspicato dalla Commissione europea, a causa di “un nuovo caso a ridosso del confine”, ha spiegato Ferrari.

Qui di seguito il link alle Misure di prevenzione della peste suina africana nella Regione Lazio

In G.U., serie generale, n. 118 del 21/05/2022 è pubblicata l’ordinanza 17 maggio 2022, recante: “Misure di controllo e prevenzione della peste suina africana nella Regione Lazio. (Ordinanza n. 3/2022)”

Questo articolo Peste Suina – anche nel Lazio è stato pubblicato su CNA.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI