PATTO PER LE INFRASTRUTTURE: CNA NON ASPETTA PIU’

CNA ha il dovere di sostenere la scelta delle nostre imprese di rimanere sul territorio, promuovendo un’azione volta a mettere in relazione da un lato chi è deputato a pianificare, organizzare e mantenere in maniera efficiente ed efficace le infrastrutture che garantiscono la grande mobilità regionale e dall’altro i livelli istituzionali che debbono agevolare tali processi, rimuovendo gli ostacoli e/o investendo risorse pubbliche e attivando risorse di investitori privati, con l’obiettivo di generare esternalità positive, ovvero vantaggi e benefici alle imprese e alle comunità che rappresentano. Con il convegno organizzato da CNA Provinciale Ancona, “MARCHE FUTURE – L’aeroporto e le infrastrutture per lo sviluppo del sistema Marche”, abbiamo voluto creare una concreta occasione di contaminazione complementare, sinergica e sintonica, con l’obiettivo di affermare una visione strategica integrata e sostenere un percorso convergente per il bene del territorio, superando gli interventi tampone, episodici e disarticolati, le richieste inevase e le promesse ancora giacenti. Secondo il principio delle esternalità positive esiste un rapporto diretto, funzionale e più che proporzionale tra la dotazione infrastrutturale e lo sviluppo/ricchezza di un territorio.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI