Novità per i titolari di Partita Iva: cosa cambia dal 1 luglio

L’obbligo di fatturazione elettronica viene introdotto nel 2015 nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, e solo nel 2019 è stato esteso alla generalità degli operatori, con specifica esclusione dei contribuenti minimi/forfettari.

Dal 1 luglio 2022 cambiano ancora le modalità di utilizzo della fatturazione elettronica, che diventa obbligatoria anche per i titolari di partita iva a regime forfettario, che abbiano conseguito ricavi o compensi, nel 2021, superiori a 25.000 euro e dal 1 gennaio 2024 l’obbligatorietà si estende ai soggetti con fatturato pari o inferiore a 25.000 euro.

Non solo i forfettari, ma anche i titolari di partita IVA che applicano il regime di vantaggio, così come le associazioni sportive dilettantistiche, dovranno farsi trovare pronte all’avvio della fatturazione elettronica dal mese di luglio.

La novità al debutto è parte delle misure previste dal decreto PNRR 2, ed è uno degli obiettivi previsti nell’ambito della riforma dell’Amministrazione fiscale.


Vuoi rimanere sempre informato sulle ultime novità e aggiornamenti per le imprese?

Iscriviti al canale WhatsApp Infoimprese di CNA Ancona. È gratis.


Iscriviti

L’articolo Novità per i titolari di Partita Iva: cosa cambia dal 1 luglio proviene da Cna Ancona.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI