Neve Fabriano: CNA chiede lo stato di calamità naturale

FABRIANO – Nel fabrianese aziende in ginocchio. E’ ormai paralisi per le attività produttive del comprensorio, gravemente danneggiate da uno stato di fermo che si protrae da troppo tempo: prima il blocco dei tir, ora l’abbondante nevicata che insiste da una settimana.
A questo punto non possiamo più tergiversare, occorre che le istituzioni intervengano in maniera decisa per attivare lo stato di calamità naturale.
Ci rivolgiamo anche e soprattutto al sistema bancario, affinché comprenda che le imprese, seriamente danneggiate da una situazione che non permette loro di lavorare, non sono assolutamente in grado di onorare le scadenze che le banche impongono loro senza alcuna considerazione del nuovo stato delle cose venutosi a creare. Stessa situazione per tutti gli altri tipi di scadenze che gravano sulle imprese.
Per quanto detto ribadiamo la necessità di attivare tutte le azioni volte a proteggere un sistema produttivo che rischia il collasso, occorre un segnale forte a difesa di un intero distretto economico.

CNA ZONA FABRIANO E CNA PROVINCIALE ANCONA
 

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI