L'innovazione è la chiave dello sviluppo

CNA punta sui giovani per creare nuovi imprenditori in grado di sfruttare le opportunità del web e portare il Made in Italy sempre più oltre confine
Oltre il 10% delle imprese, in Italia, vende online, con una quota di fatturato raddoppiata rispetto a qualche anno fa. Secondo una ricerca della Cna, è la conferma di una tendenza crescente all’utilizzo di questi nuovi strumenti, ciononostante l’Italia rimane nelle retrovie delle classifiche europee mentre nel mondo cresce la voglia di Made in Italy.
“E’ fondamentale – dichiara Marzio Sorrentino, responsabile Area Sindacale Cna Provinciale Ancona – perseguire questa strada di modernità e allineamento ai tempi che può davvero creare lavoro e benessere. Si tratta infatti di una opportunità cruciale per il nostro tessuto produttivo, composto perlopiù da artigiani, micro e piccole imprese, che potrebbero rivolgersi con successo al mercato del web”.
Per fare questo, secondo la Cna è necessario ripartire dai giovani. “L’obiettivo che dobbiamo porci – prosegue Sorrentino – è quello di portare, nell’arco di due anni al massimo, l’esiguo 10% di imprese che vende online ad almeno un quarto della platea imprenditoriale italiana, con una predominanza di piccole imprese. Ecco perché puntiamo tantissimo sul rafforzamento del rapporto scuola-impresa. C’è bisogno di alfabetizzazione degli studenti: investire oggi nelle competenze digitali, legandole ai vantaggi del fare impresa, significa più possibilità di creare nuovi giovani imprenditori consapevoli che l’ecommerce è in grado di rilanciare l’economia e il Made in Italy”.
Cna crede molto nelle potenzialità delle nuove tecnologie per mettere a valore il tesoro del saper fare artigiano italiano, tanto apprezzato all’estero.
“L’innovazione – conclude Sorrentino – è la chiave dello sviluppo. Per questo c’è bisogno di stanziare risorse a favore delle imprese per stimolarle a imboccare questa strada. Nel frattempo Cna continuerà a contaminare il mondo della formazione favorendo opportunità di business in un mondo imprenditoriale più consapevole delle opportunità legate all’innovazione”.
Ufficio Stampa: DANIELA GIACCHETTI

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI