La contaminazione tra artigiani è risultata vincente: arriva l’evento finale del progetto “Craft Surfing” di CNA

Dopo alcune settimane, in cui si sono svolti gli appuntamenti su tutto il territorio regionale, il progetto Craft Surfing della CNA arriva alla tappa finale con un evento al Museo Omero, mercoledì 28 giugno. Il progetto per la promozione delle attività tradizionali e di qualità “Craft Surfing, Botteghe ospitali” che la CNA di Ancona ha realizzato con il contributo della Regione Marche, si propone di promuovere l’eccellenza artigiana creando una rete di imprese artigiane d’eccellenza.

Il progetto ha coinvolto 15 artigiani da tutte le Marche, che hanno condiviso i propri spazi commerciali e i loro laboratori creativi, organizzando scambi di ospitalità per le loro produzioni di qualità. Tra inizio aprile e fine maggio si sono svolte le “contaminazioni eccellenti” ad Ancona, Pesaro, Civitanova Marche, Ascoli Piceno e Monte Urano, che hanno cinvolto ogni volta tante persone interessate all’artigianato Made in Marche. Al termine di ogni evento inaugurale è stato offerto un buffet di prodotti tipici del territorio, per combinare l’alto artigianato e l’alta gastronomia marchigiana.

L’evento finale di mercoledì 28 sarà l’occasione per raccontare le esperienze vissute nei laboratori artigiani, grazie all’ausilio di foto e video, e per riflettere sul tema dell’artigianato odierno in relazione al design e altre forme d’arte.

Tali riflessioni si svolgeranno presso la Collezione Design del Museo Omero alla Mole di Ancona, un luogo nato per far scoprire la bellezza degli oggetti e il pensiero che li ha prodotti, e saranno stimolate dagli interventi dell’arch. Fabio Fornasari, curatore della Collezione Design e dalla ricercatrice Alice De Vecchi, che si soffermeranno sulla relazione tra spazio e oggetto e sul ruolo odierno del saper fare.

Non mancherà un contributo semiserio a cura del Degrado Post Mezzadrile, un gruppo di ragazzi senza volto, molto attivi sui social, che sanno dare voce alla marchigianità più pura raccontandone vizi e e disastri. A seguire l’arch. Fornasari condurrà i partecipanti in una visita guidata degli oggetti della Collezione Design, che chiedono di essere toccati, manipolati e ascoltati.

Le storie delle imprese artigiane partecipanti sono raccontate attraverso foto e video che saranno condivisi sui social e sul sito web www.rumoredellarte.it.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI