La Construction Alliance 2050 chiede che la tassonomia dell’UE crei le condizioni per sostenere la transizione verso l’edilizia sostenibile

Bruxelles, 18 ottobre – La Construction Alliance 2050 ha ospitato oggi un evento pubblico sulla finanza sostenibile e sull’impatto della tassonomia UE sul settore delle costruzioni.

In questa occasione l’Alleanza ha condiviso i seguenti 6 messaggi chiave.

La tassonomia sottolinea ancora una volta l’enorme potenziale del settore delle costruzioni per il raggiungimento degli obiettivi dell’UE in materia di Green Deal.

– La tassonomia sottolinea ancora una volta l’enorme potenziale del settore per contribuire agli obiettivi dell’UE in materia di sostenibilità e clima, in particolare per quanto riguarda l’economia circolare e la neutralità climatica del blocco entro il 2050.

La tassonomia può offrire un approccio europeo di “edilizia sostenibile” basato sui regolamenti UE esistenti e sugli standard europei di valutazione della sostenibilità, ma alcuni criteri dovrebbero essere migliorati e le metodologie di rendicontazione chiarite.

– È necessario instaurare un dialogo tra la Commissione europea e il settore delle costruzioni per migliorare i criteri problematici, nonché per facilitare lo scambio con l’industria sulle modalità di rendicontazione dell’allineamento e dell’ammissibilità della tassonomia. Molte aziende non hanno una guida chiara su come utilizzare appieno gli attuali standard previsti dall’atto delegato sul clima.

La tassonomia può costituire un nuovo punto di riferimento per la competitività del settore delle costruzioni.

– Invia segnali importanti alle imprese su quali prodotti e pratiche edilizie possono offrire per promuovere la loro competitività nel mercato interno. Ciò contribuirà anche a promuovere soluzioni innovative nel settore delle costruzioni e a favorire l’economia circolare.

La tassonomia deve creare le condizioni per la mobilitazione di capitali a sostegno della transizione verso l’edilizia sostenibile.

– È importante che i criteri siano concepiti in modo tale da consentire una valutazione equa dei prodotti, dei sistemi e degli edifici da costruzione, in base al loro contributo agli obiettivi ambientali, e che considerino adeguatamente la natura complessa delle soluzioni edilizie, premiando quindi tutte le attività di produzione, costruzione e servizio necessarie per il raggiungimento degli obiettivi ambientali.

Gli obblighi di rendicontazione della sostenibilità previsti dalla tassonomia devono essere semplici e proporzionati.

– È della massima importanza che gli obblighi di rendicontazione siano proporzionati e che alle PMI sia concesso tempo sufficiente per adattarsi alle nuove regole di rendicontazione. La Commissione dovrebbe fornire indicazioni chiare e persino istituire un Help Desk per aiutare le imprese a interpretare i requisiti che dovranno affrontare nella rendicontazione.

Il mancato allineamento alla tassonomia non deve impedire alle imprese di accedere a finanziamenti e fondi.

– L’Alleanza C2050 ritiene che la “sostenibilità” di un’azienda non debba essere valutata solo in base all’ammissibilità e all’allineamento delle sue attività economiche alla Tassonomia.

– Il mancato allineamento non deve portare a pratiche discriminatorie da parte degli investitori e ad escludere le aziende dai finanziamenti, in un momento in cui il settore si trova ad affrontare sfide senza precedenti (ad esempio, l’aumento dei prezzi dei materiali e del costo della vita dei clienti, la carenza di lavoratori e di competenze, la necessità di investimenti per scalare soluzioni innovative a basse emissioni di carbonio, l’assenza di infrastrutture a basse emissioni di carbonio su scala, …).

La tassonomia dell’UE deve diventare un facilitatore della transizione verde e consentire al settore delle costruzioni di contribuire efficacemente agli obiettivi climatici dell’UE. Il non allineamento non deve escludere dai finanziamenti i produttori di prodotti per l’edilizia e le imprese di costruzione, soprattutto la grande maggioranza delle PMI che compongono il settore.

 

Questo articolo La Construction Alliance 2050 chiede che la tassonomia dell’UE crei le condizioni per sostenere la transizione verso l’edilizia sostenibile è stato pubblicato su CNA.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI