Imprenditori protagonisti: la CNA Vallesina a congresso

JESI – Venerdi 31 maggio triplo appuntamento per la CNA Vallesina: rinnovo degli organismi di rappresentanza degli imprenditori, convegno “L’economia della Vallesina oggi e le prospettive”, spettacolo teatrale “Un sarto italiano. Sei personaggi in cerca di un lavoro.
Giornata importante per la CNA Vallesina che venerdi 31 maggio alle 17:30 chiama a raccolta i propri associati per l’Assemblea Elettiva che provvederà al rinnovo della composizione della Presidenza della CNA Vallesina. Il Responsabile Sindacale dell’Associazione Elisabetta Grilli ricorda che la Presidenza è composta esclusivamente da imprenditori del territorio in rappresentanza dei diversi comparti produttivi, dell’artigianato, della piccola e media impresa, del lavoro autonomo, del commercio e snocciola con orgoglio le cifre della propria rappresentanza: oltre 1.000 associati correlati alla sede di Jesi ed in riferimento all’intera Vallesina.
L’appuntamento, che inizia alle 17:30 presso il Teatrino di Pianello Vallesina, prevede un momento di confronto con gli operatori economici sulla situazione del territorio a partire dall’indagine congiunturale elaborata dal Centro Studi Sistema ed esposta dal Direttore del Centro Studi Giovanni Dini ed arricchita dalla relazione del Presidente Nazzareno Baioni.
L’appuntamento è anche occasione di confronto tra imprenditori, Sindaci ed Amministratori del territorio presenti. Le conclusioni saranno affidate a Otello Gregorini Direttore provinciale CNA.
Al termine del convegno la fase elettiva e a seguire, dopo un breve break, alle 21 lo spettacolo teatrale “Un sarto italiano. Sei personaggi in cerca di un lavoro”
“In sintesi – spiega Elisabetta Grilli – verrà trasposta in chiave teatrale la biografia di un sarto Italiano. Lo svolgersi della vicenda umana attraversa diverse tematiche: il dopoguerra italiano e la migrazione interna, la formazione dei giovani, la volontà e tenacia dei lavoratori italiani e, naturalmente, la sartoria e l’eccellenze delle competenze del Made in Italy e la battaglia contro la delocalizzazione delle nostre imprese ed il conseguente depauperamento delle abilità acquisite nei decenni dal nostro tessuto produttivo. Il valore aggiunto è dato dalla professionalità del sig. Francesco Italiano (il sarto della biografia) i cui abiti sono oggi al Museo della Moda di Palazzo Pitti a Firenze sotto tutela della sovrintendenza come patrimonio nazionale e dalla storia professionale stessa dato che il sig. Italiano è stato per anni un dirigente CNA di Modena (con diversi incarichi) e tra i fondatori dell’Unione dei Sarti (oggi Federmoda)”.
CNA ZONA JESI
 

ASSOCIATI