Il premier si è dimesso, il governo resta solo per gli affari correnti

Il presidente del consiglio Mario Draghi si è dimesso. Il premier è salito al Quirinale per comunicare le sue dimissioni e quelle dell’esecutivo che resterà in carica solo per gli affari correnti. Il Presidente della Repubblica Sergio Matterella nel pomeriggio incontrerà i presidenti di camera e Senato.

I tempi per indire le elezioni e formare il nuovo governo sono piuttosto lunghi e rigidi in base alla costituzione. Le elezioni devono tenersi entro 60 giorni dallo scioglimento delle Camere. E sempre la carta costituzionale stabilisce che la prima riunione delle Camere ha luogo non oltre il ventesimo giorno dalle elezioni. Il presidente della Repubblica potrà avviare le consultazioni per la formazione del governo dopo l’elezione dei presidenti di Camera e Senato e la formazione dei gruppi parlamentari.

Questo articolo Il premier si è dimesso, il governo resta solo per gli affari correnti è stato pubblicato su CNA.

Read More

ASSOCIATI