Green Pass: tutto quello che c’è da sapere per le imprese

Italian Green Pass. EU Digital certificate Covid-19. Covid or Coronavirus vaccine certificate. Selective focus

Per tutte le imprese soggette all’obbligo di Green Pass, CNA mette a disposizione, scaricabile gratuitamente, il cartello da esporre fuori dalla propria attività.

Scarica il cartello Green Pass

 

 

Come annunciato giorni fa, l’obbligo di esibire il Green Pass scatterà da venerdì 6 agosto per tutti coloro che vorranno sedersi al chiuso in un bar o ristorante.

Illustriamo brevemente quali sono le indicazioni per la corretta applicazione della norma contenuta nel Decreto Covid 105/2021, quelle sul controllo da parte degli esercenti, dei gestori dei servizi e delle attività coinvolte con le relative sanzioni.

 

Quando esibire il Green Pass?

La certificazione dovrà essere esibita all’ingresso dei locali di bar, ristoranti, pub, gelaterie, birrerie (servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio), per la consumazione al tavolo al chiuso.

CNA Nazionale consiglia caldamente l’applicazione di tali normative anche alle attività artigianali alimentari (pizzerie al taglio, pasticcerie, piadinerie, etc.) che danno la possibilità ai propri clienti di stazionare all’interno per la consumazione sul posto (es. sgabelli e mensole).

Il Green Pass non è necessario per le consumazioni al bancone, anche al chiuso, e quelle ai tavoli che si trovano all’aperto.

 

Quali attività hanno l’obbligo del Green Pass?

Attività con obbligo di Green Pass sono:

  1. Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso;
  2. musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  3. piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  4. sagre e fiere, convegni e congressi;
  5. centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  6. centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso (sono esclusi i centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione, tutte attività per le quali non è richiesta il documento anti Covid);
  7. Sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  8. Concorsi pubblici.

 

Per una lettura pratica e veloce del Green Pass, le imprese possono scaricare su uno smartphone qualunque l’app gratuita VerificaC19.

L’app permette la lettura del QR code stampato sul Green Pass cartaceo, oppure il QR code in formato digitale. Alla risposta “Certificazione valida” pubblici ufficiali, i titolari delle strutture ricettive e dei pubblici esercizi, il personale di controllo delle attività di intrattenimento, i gestori delle strutture sanitarie e socioassistenziali, o i loro delegati, devono chiedere al cliente di esibire un documento di identità valido per evitare di incappare in Green Pass contraffatti.

 

Sanzioni

Le violazioni possono essere punite con una sanzione da 400 a 1000€ sia a carico dell’esercente sia dell’utente. Se la violazione viene ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio può essere chiuso da uno a dieci giorni.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI