Fratelli Benazzi Autotrasporti e CNA, una storia lunga 40 anni

“L’alternativa era lavorare in campagna. Allora decisi, con il sostegno economico di mio padre, di diventare autotrasportatore. Poi i soldi del camion, nel tempo, glieli ho restituiti”, racconta così, Luciano Benazzi, la scelta di acquistare nel 1973 il suo primo camion.

Oggi la ditta Fratelli Benazzi Autotrasporti, con sede a Caprile di Codigoro, nel ferrarese, è un colosso con 80 camion e 100 autisti, che arrivano a 130 e oltre nel periodo estivo, quando si intensifica il trasporto dei prodotti agroalimentari.

L’azienda, socia storica di CNA da quasi 40 anni, opera in tutta Italia e all’estero. In questo ultimo periodo, però il settore dell’autotrasporto è particolarmente sotto pressione.

Un’azienda di dimensioni importanti come la vostra come sta affrontando questa difficile situazione?

“Siamo reduci da un anno in cui l’economia è andata in sofferenza e si è assistito a forti speculazioni e aumenti indiscriminati nel campo delle materie prime. Stavamo recuperando faticosamente una situazione di equilibrio, accordandoci con i nostri clienti, quando è arrivato un nuovo colpo inatteso: il forte aumento dei carburanti” spiega Fabiano Benazzi, il più giovane dei due fratelli che oggi amministrano l’azienda.

“Aumenti che sono il frutto di speculazioni contro cui si è fatto poco o nulla. Nel 2014-15 il gasolio arrivò a costare 1,65 il litro, quando il petrolio costava 130 euro il barile. Oggi il gasolio costa ben oltre i due euro, ma il petrolio è fermo a 100 euro.”

Il governo ha in effetti preso dei provvedimenti. Lei pensa che siano insufficienti?

“Lo penso, sì. Credo che fossero necessario misure di tutt’altro livello. In generale, credo che oggi per consentire all’autotrasporto di riprendersi e bloccare la speculazione sarebbe necessario imporre un tetto al costo dei carburanti”.

La Fratelli Benazzi Autotrasporti opera al 60-65% nel settore agroalimentare. È un’azienda di successo molto legata al territorio: ha alcuni clienti storici come Conserve Italia, il Gruppo Caviro (produttore, ad esempio, del vino Tavernello), il Consorzio Terre Cevico.

Per soddisfare clienti di queste dimensioni che caratteristiche bisogna avere?

Risponde Luciano Benazzi, che fondò l’azienda nel 1973: “bisogna dare un servizio completo, dal deposito alla distribuzione, ed essere affidabili e puntuali. La puntualità, soprattutto, è la caratteristica distintiva per un’azienda come la nostra”.

Qual è il vostro impegno per la sostenibilità ambientale?

“I nostri veicoli sono tutti Euro 6 – spiega Luciano – e non solo perché lo Stato incentiva i veicoli meno inquinanti, ma anche e soprattutto perché è giusto così: dobbiamo puntare tutti a inquinare meno”.

Molti vostri colleghi lamentano che non si dà all’autotrasporto l’importanza che merita: voi che ne pensate?

“È chiaro – risponde Luciano Benazzi – che un’azienda per sopravvivere deve guadagnare e fare reddito, altrimenti muore. Per assicurare la circolazione delle merci bisogna permettere alle aziende dell’autotrasporto di sopravvivere: se ci ‘pelano’, noi chiudiamo e le merci non circolano più. In Italia, il nostro settore è in crisi da fine anni ‘90, a causa della liberalizzazione delle licenze e della concorrenza degli autotrasportatori dell’est Europa. La politica ha fatto molti errori: oggi è necessario cambiare rotta: tenga conto che oggi oltre l’85% delle merci in Italia viaggia su gomma, e data la nostra struttura produttiva non può essere che così. L’autotrasporto ha diritto a vedere riconosciuta l’importanza del proprio ruolo”.

 

Questo articolo Fratelli Benazzi Autotrasporti e CNA, una storia lunga 40 anni è stato pubblicato su CNA.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI