Falconara: CNA incontra l’Amministrazione. “Attenzione ai lavori pubblici e alle esigenze delle imprese”

La Presidenza di CNA Zona nord ha incontrato l’Amministrazione del Comune di Falconara mettendo al centro del confronto le risorse intercettate dall’amministrazione e i relativi lavori calendarizzati e da attuare.

L’associazione ha accolto con soddisfazione gli interventi di riqualificazione previsti: gli investimenti nelle scuole e negli spazi collettivi, di valorizzazione di aree che saranno oggetto di “diverse progettualità e destinazioni” interventi tutti che devono tendere a fare di Falconara una città più vivibile e godibile ed attrattiva per la stagione estiva, e non solo, per chi vi abita e per gli operatori economici che vi investono e lavorano.

Gli imprenditori CNA, tramite la Presidenza presente, hanno portato una visione della città e del territorio che si esplica verso il futuro delle nuove generazioni e quindi anche uno sguardo sui principali contenitori “svuotati” quali Montedison (è stato fatto un aggiornamento sulla situazione ed intenzioni della proprietà) o Caserma Saracini sulla quale il Presidente Gino Spadoni ha indicato importanti trasformazioni a beneficio della comunità.

Massima tensione sulla situazione critica dell’incendio all’Api che si era sviluppato in quelle ora e che il sindaco stava monitorando in diretta con il Prefetto. Una situazione storica e sempre più impattante quella della presenza della raffineria e della convivenza con l’abitato di cui la CNA auspica un percorso di riconversione e riqualificazione dell’attività produttiva.

Particolare attenzione è stata posta, per ritornare ai lavori pubblici e a temi più contingenti ed attuali, nel consegnare all’Amministrazione il disagio delle attività economiche che si trovano interessate, direttamente ed indirettamente, dai lavori di esecuzione degli interventi. Le imprese arrivano stremate dal lungo periodo di emergenza sanitaria ed ora dai rincari di materie ed energetici ed ogni aggravio della situazione, anche temporaneo e come in questi casi di buone intenzioni, può divenire fatale per la sopravvivenza delle stesse.

I lavori, specie quando importanti, necessitano di una attenta programmazione e di una comunicazione efficace che ottenga il minor impatto e disagio possibile verso chi svolge attività e i cittadini tutti.

La CNA nell’ottica di porsi come strumento facilitatore ha organizzato incontri tra Amministrazione e attività economiche per affrontare insieme le criticità e portare migliorie nella gestione. Si è quindi appreso con piacere che nell’appalto dei lavori in esecuzione è stata prevista una clausola di premialità per i giorni di consegna in anticipo dei lavori (che sta già dando i suoi risultati sulla data di consegna previste) e di un turno raddoppiato con l’avanzare delle ore luce giornaliere.

Con forza CNA ha voluto porre l’attenzione sul tema strategico della finanza agevolata per le imprese e in particolar modo sullo strumento dei Bandi i quali devono essere redatti in maniera corretta e lineare, evitando ogni intoppo e con una conseguente attività di promozione e divulgazione capillare presso le imprese, anche e soprattutto attraverso la CNA.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI