Fabriano: l'indotto chiede un incontro ai tre commissari della Antonio Merloni Spa

FABRIANO – In questi giorni abbiamo registrato numerose prese di posizione sulle vicende della Antonio Merloni S.p.a., con piacere cogliamo che tutti hanno sottolineato l’esigenza di accendere i riflettori sulla crisi del colosso fabrianese in rappresentanza di varie categorie ed istituzioni e soprattutto di far presto in quanto la drammatica crisi che coinvolge imprese, commercianti e lavoratori non aspetta.

Più volte abbiamo sottolineato come una positiva soluzione della crisi Merloni potesse rappresentare un segnale importante per la città e per le forze economiche che vi operano, ad oggi possiamo registrare che nulla di concreto è emerso o meglio quello che trapela non lascia molto spazio all’ottimismo.

Come associazioni eravamo e siamo critici sulla possibilità del cosiddetto “spezzatino”, in quanto riteniamo che di fronte all’offerta del gruppo MMD occorra fino in fondo perseguire il tentativo di mantenere l’unità produttiva del colosso del bianco, dando la possibilità di occupare i lavoratori che saranno riassorbiti e per quanto ci riguarda far ripartire quello che resta dell’indotto a Fabriano, evitando la scomparsa di un patrimonio di aziende che per anni hanno garantito livelli occupazionali e reddito alla città e alle realtà vicine.

Visto il quadro nel quale ci moviamo come rappresentanti delle molte aziende coinvolte nella crisi della Antonio Merloni chiediamo un incontro con i commissari per verificare a che punto sono le varie trattative ed avere un riferimento certo in merito ai tempi sempre più stretti entro i quali muoversi.

Questo incontro ci sembra dovuto in quanto molti dei crediti vantati sono in mano alle nostre aziende e la crisi ha fatto pagare ai nostri imprenditori coinvolti un prezzo salatissimo, pertanto chiediamo che la voce di queste aziende non rimanga inascoltata.

 

IL SEGRETARIO CNA DI FABRIANO    IL SEGRETARIO CGIA DI FABRIANO

               Dott. Mirco Gaggiotti                                    Dott. Simone Clementi

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI