Doppio bonus per i giovani imprenditori: avvio d’impresa e incentivi all’assunzione

Il Decreto Coesione offre un doppio incentivo agli under 35 che intendono avviare un’impresa nel settore dello sviluppo di nuove tecnologie. Le aziende attive nei settori chiave per lo sviluppo tecnologico e la transizione verso un’economia digitale ed ecologica riceveranno un contributo per avviare l’impresa e  un’esenzione dai contributi previdenziali per assumere a tempo indeterminato lavoratori sotto i 35 anni, tra il 1° luglio 2024 e il 31 dicembre 2025.

Le persone disoccupate sotto i 35 anni che avviano un’impresa in Italia, a partire dal 1° luglio 2024 fino al 31 dicembre 2025, possono beneficiare dell’esenzione completa dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro privato, esclusi i premi e i contributi INAIL.

Questo sgravio contributivo dura fino a 3 anni (e comunque entro e non oltre il 31 dicembre 2028), a condizione che vengano assunti dipendenti sotto i 35 anni a tempo indeterminato nel periodo sopra indicato, con un massimo di 800 euro al mese per lavoratore, nel rispetto della spesa autorizzata.

L’esenzione non si applica a lavori domestici o apprendistati e non può essere cumulata con altri sgravi contributivi, ma è compatibile con la super deduzione del 120% del costo del personale neoassunto.

Le imprese avviate da disoccupati sotto i 35 anni possono, inoltre, richiedere un contributo all’INPS per l’avvio dell’attività, pari a 500 euro al mese per un massimo di tre anni (e comunque entro e non oltre il 31 dicembre 2028).

I criteri per qualificare un’impresa nei settori strategici e i requisiti per accedere a questi benefici saranno definiti da un decreto interministeriale, soggetto all’approvazione della Commissione europea.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI