Chi verifica il Green Pass? Ecco il modello per la delega

A poche ore dall’introduzione del Green Pass come strumento di contenimento della pandemia, si chiariscono le modalità di utilizzo e di verifica per le imprese che saranno chiamate al rispetto della nuova normativa. Nello specifico è stato chiarito, anche da note interpretative Anci, la necessità di una delega formale ai soggetti deputati al controllo dei Green Pass.

I soggetti deputati alla verifica sono infatti:

  • a) i pubblici ufficiali nell’esercizio delle relative funzioni;
  • b) il personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, iscritto nell’apposito elenco disciplinato dall’art. 3, comma 8, della legge n. 94/2009;
  • c) i soggetti titolari delle strutture ricettive e dei pubblici esercizi per l’accesso ai quali è prescritto il possesso di certificazione verde COVID-19, nonché i loro delegati;
  • d) il proprietario o il legittimo detentore di luoghi o locali presso i quali si svolgono eventi e attività per partecipare ai quali è prescritto il possesso di certificazione verde COVID-19, nonché i loro delegati;
  • e) i vettori aerei, marittimi e terrestri, nonché i loro delegati;
  • f) i gestori delle strutture che erogano prestazioni sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali per l’accesso alle quali, in qualità di visitatori, sia prescritto il possesso di certificazione verde COVID-19, nonché i loro delegati.

I soggetti delegati di cui alle lettere c), d), e) ed f) sono incaricati con atto formale recante le necessarie istruzioni sull’esercizio dell’attività di verifica.

CNA Ancona ha elaborato un modello specifico di delega da utilizzare (SCARICA QUI) per ogni soggetto incaricato di certificare il Green Pass.

La verifica delle certificazioni verdi COVID-19 è effettuata mediante la lettura del codice a barre bidimensionale, utilizzando esclusivamente l’applicazione mobile VerificaC19  consente di controllare l’autenticità, la validità e l’integrità della certificazione, e di conoscere le generalità dell’intestatario, senza rendere visibili le informazioni che ne hanno determinato l’emissione.

  • Il controllo va effettuato solamente tramite VERIFICA DEL QR CODE, cartaceo o in formato digitale; la presentazione del semplice certificato di vaccinazione non ha valore di Green Pass;
  • Sono esclusi dal controllo i clienti che consumano all’esterno oppure in piedi all’interno, al banco; sono esclusi anche i clienti che fanno asporto, inoltre non sono tenuti ad esibire il Green Pass i soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale e i soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute;
  • Non è richiesta alcuna registrazione di dati del titolare della Certificazione Verde;

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI