Bonus edilizi – sconto in fattura valido anche se calcolato solo nella fattura a saldo ma con integrazione extra-contabile

Con risposta a interpello, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito un aspetto dubbio che derivava dalla nota n. 18 inserita nella circolare n. 19/E del 27/05/2022, in tema di sconto in fattura.

Ad esempio, in caso di opzione per lo sconto in fattura a fronte di spese per un intervento di Bonus ristrutturazione 50%, se per i lavori agevolabili vengono emesse due o più fatture non è possibile applicare percentuali di sconto diverse su ognuna di esse, pur raggiungendo il totale del 50% a titolo di percentuale di sconto ammesso. Se questa interpretazione è pacifica e logica, è l’interpretazione più letterale di tale nota che ha destato e continua a destare dubbi, perché l’intento dell’AE potrebbe sembrare quello, nell’ambito della medesima agevolazione, di non poter avere sia fatture senza sconto (fruendo della detrazione da parte del committente o dell’opzione di cessione) che fatture con lo sconto (con relativa opzione esercitata da parte del committente): ”è necessario  per  fruire dell’agevolazione applicare lo sconto (… ) su ognuno dei predetti documenti e pagare con bonifico bancario o postale le restanti parti”.

Detto ciò, resta una certa perplessità negli operatori; tuttavia, con il documento di prassi in commento, l’Agenzia delle Entrate ha almeno dato una certezza a tutti quei casi in cui vi è un unico fornitore che emette più fatture qualificabili come fatture in acconto e a saldo, con sconto complessivo applicato solo nella fattura a saldo.

L’Agenzia delle Entrate sottolinea che il comportamento adottato dall’istante costituisce comunque un errore di fatturazione commesso  e quindi ribadisce, in sostanza, quanto espresso nella nota n. 18; tuttavia,   nonostante ciò,  nel caso di cui all’interpello ricorrono tutti gli  altri  presupposti  previsti  dalle  disposizioni  di  riferimento  ed è altresì possibile dimostrare che l’opzione per lo sconto in fattura è stata concordata contrattualmente tra le parti, che il contratto disciplina  le  modalità  di  fatturazione  delle  somme  corrisposte e che gli  importi  corrisposti  sono  tra  loro  riconciliabili  attraverso  l’esame  congiunto dell’accordo, delle fatture e dei bonifici parlanti.

In tale evenienza, al fine di consentire la riconciliazione dei documenti e delle  somme effettivamente dovute e riconosciute sotto forma di sconto, è necessario che nella fattura a saldo sia indicato l’ammontare complessivo del corrispettivo dovuto  su cui  calcolare lo sconto spettante, nonché l’importo già corrisposto a pagamento della/e fattura/e  di acconto. L’Agenzia delle Entrate richiede anche che, a prova della non fruizione della detrazione in capo al committente sull’importo di cui alla fattura di acconto (perché già ceduta sotto forma di sconto) può tornare utile integrare, con un  documento extra-contabile, tale fattura con il richiamo allo  sconto concesso rispetto al complesso dei lavori realizzati.

Infine, l’Agenzia segnala che la presenza di errori quali quelli riconducibili a quello  commesso dal fornitore-istante,  pur  non  inficiando  la  spettanza  dell’agevolazione  alla  luce  degli  elementi  dimostrativi sopra illustrati, costituisce un indicatore di possibile anomalia in sede di  analisi del rischio.

Riferimenti: Agenzia delle Entrate, risposta n. 238/E del 3/03/2023

Questo articolo Bonus edilizi – sconto in fattura valido anche se calcolato solo nella fattura a saldo ma con integrazione extra-contabile è stato pubblicato su CNA.

Read More

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI