Alcolici: la reintroduzione della licenza fiscale di esercizio è una scelta sbagliata

Due anni fa la precedente legislatura stabiliva l’esenzione, per le attività di somministrazione e vendita di alimenti e bevande, dell’obbligo di licenza per la somministrazione e vendita di alcolici. Una decisione maturata al fine di sburocratizzare il settore.
Oggi, sorprendentemente, l’attuale governo torna indietro e reintroduce l’obbligo, per le suddette attività – dal 30 giugno u.s. – di effettuae la comunicazione all’Agenzia delle Dogane per l’ottenimento della licenza fiscale di esercizio.
CNA Alimentare ritiene che questo ritorno al passato è una scelta sbagliata, crea confusione e non va nella direzione della semplificazione necessaria alle imprese. A livello nazionale CNA si sta muovendo per annullare questo provvedimento.

Potrebbe interessarti anche

ASSOCIATI